go to english site

Acciai Inossidabili

Laminati piani e nastri di acciai inossidabili austenitici/ferritici COLORATI / ANTI-FINGERPRINT (specifica Gavinox)

ACCIAIO anti-fingerprint

Caratteristiche tecniche

La gamma dimensionale disponibile è la seguente-

  1. Spessore del supporto: da 0,30 a 1,5 mm
  2. Massima dimensione in fogli: 1500 x 5000
  3. Minima larghezza del nastro: 19 mm
  4. Massima larghezza del nastro: 1500 mm
  5. Diametro interno del nastro: 500 mm
  6. Diametro massimo esteno coil: 1600 mm
  7. Peso massimo del coil: 10.000 kg.

Rivestimento faccia superiore – a base di vernice poliestere di spessore 8-10 micron (a richiesta film autoadesivo di protezione temporanea in polietilene)

Rivestimento faccia inferiore – a richiesta Back-coating schiumabile di spessore 3-5 micron

Caratteristiche del rivestimento

  1. Colore: trasparente non colorato
  2. Brillantezza: > 80 Gloss su finitura satinata
  3. > 100 Gloss su finitura Scotch-Brite
  4. Durezza matita: H minimo
  5. Adesione e quadrettatura: 100/100

Formabilità

  1. T bend test (ECCA T7):  0-1 T massimo
  2. Imbutitura Erichsen (EN ISO 1520) : assenza di fessurazioni e delaminazione
  3. Resistenza all’impatto (ECCA T5) : > 10 J

Proprietà di anti-fingerprinte di pulizia

  1. Rimozione delle impronte : facile per strofinamento a secco
  2. Punibilità: molto buona

 

Resistenza all’ambiente ed a d agenti aggressivi

  1. Macchie da alimenti (olio, caffè, ..)- ECCA T18: resistente
  2. Prodotti chimici di impiego domestico (alccl, detergenti per superfici, …) - ECCA T11 - T18): OK
  3. Immersione in acqua (40°C per 120 ore): OK
  4. Tropical test(umidità continuata): resistente

 

Resistenza al calore

  1. Test ciclico (da temperatura ambiente a 85°C ripetuto per 20 cicli): resistente

ACCIAIO COLORATO

Colorazione elettrolitica

La pellicola inerte di ossido di cromo che si forma sulla superficie dell’acciaio inossidabile quando questa viene a contatto con l’ossigeno, costituisce la ben nota barriera nei confronti della corrosione.

Attraverso un processo chimico, questa pellicola, che inizialmente appena si forma è trasparente, può assumere una certa colorazione che può essere successivamente fissata mediante un processo elettrolitico.

Attraverso un fenomeno fisico prodotto dall’interferenza con la luce (sovrapposizione  della luce in arrivo con quella riflessa) e a seconda del tempo di immersione nella soluzione acida, sulla pellicola si producono intensi effetti di colore.

La gamma specifica di colori che la pellicola va pian piano a ad assumere sono: bronzo, oro, rosso, porpora e verde corrispondenti all’aumento dello spessore pellicolare da 0,02 fino a 0,36 micron.

L’acciaio inossidabile austenitico è particolarmente adatto a questo trattamento superficiale.


Back